COME SFRUTTANO LA PSICOLOGIA GLI INGEGNERI DEL DESIGN? ECCO 13 SEGRETI PER IL MENU' PERFETTO.

design-menu-contemporary

Abbiamo studiato gli ingegneri del menù e le tecniche principali che attuano nella psicologia del design per influenzare sottilmente le decisioni del cliente.

Studiando il modo in cui il menu è impostato, i colori utilizzati e le descrizioni di ogni piatto puoi indirizzare i clienti verso le scelte che vuoi che facciano.

Ogni menù deve essere attentamente costruito per convincere a prendere determinate decisioni, soprattutto quelle che in ultima analisi faranno fare i maggiori acquisti. La psicologia dietro l'ingegneria del menu è sostenuta dalla scienza e da innumerevoli ore di ricerca e copre aspetti come il posizionamento, la teoria dei colori, l'uso di parole di buzz, il costo controllato e altro ancora.

CONFUSIONE DI COLORI

I colori di un menu possono influenzare ciò che ordiniamo. Il verde implica che il cibo sia fresco e l'arancio stimola l'appetito. Il colore giallo è una tonalità felice ed è usato per catturare l'attenzione del commensale. Rosso incoraggia l'azione ed è usato per convincerci a comprare i pasti con i margini di profitto più alti.

IL TRIANGOLO DORATO

Quando guardiamo un menu, i nostri occhi in genere si spostano verso il centro prima prima di viaggiare nell'angolo in alto a destra e poi, infine, in alto a sinistra. Questo è stato soprannominato il "Triangolo d'oro" da parte di ingegneri del menu, in queste tre aree bisogna posizionare i piatti con i margini di profitto più alti.

INGEGNERIA DELL'IMMAGINAZIONE

I ristoranti prestano molta attenzione a come viene descritto ogni pasto. Le affermazioni superlative - le descrizioni come "il miglior hamburger del mondo" - non può essere vero e i clienti semplicemente li ignoreranno. Tuttavia, descrizioni attiranti, come “affumicato a legna" o "essiccato al sole", alimenteranno l'immaginazione e stimoleranno le papille gustative.

SCHEMA SUBCONSCIO

Si tende ad ordinare, più spesso e inconsciamente, i due elementi più in alto in ogni sezione, quindi le prime proposte da elencare devono essere quelle che maggiormente rappresentano il locale o quelle dal più alto tasso di marginalità. Tuttavia, alcune persone tendono a scegliere l'opzione più in basso, quindi l'ultimo elemento di ogni sezione deve seguire la stessa regola.

PREZZO IN INCOGNITO

Il conto è il punto dolente di ogni fine pasto. Eliminare il simbolo della valuta aiuta a non far percepire che la cifra al lato del piatto sia la “parte-dolente”. I prezzi scritti in lettere, sono talmente efficaci in questa operazione che possono incoraggiare a spendere fino al 30 per cento in più.

LA FORMA DEL PREZZO

La descrizione accattivante di un piatto non è sufficiente, i clienti terranno sempre in considerazione il prezzo. Il buon ristoratore utilizza i prezzi a suo vantaggio: per esempio, un piatto a 9,90 da l’idea al cliente che stia facendo un buon affare. I locali più eleganti tendono ad utilizzare numeri rotondi, che trasmettono una sensazione di sofisticatezza.

PROPOSTE LIMITATE

Un menu enorme potrebbe sembrare una buona idea, ma essere costretti a scegliere tra centinaia di opzioni è stressante. Il numero ideale è sette piatti in ogni sezione - abbastanza per trasmettere l’idea di avere molte opzioni ma senza confondere.

FORZA ESPLOSIVA DELLE EMOZIONI

La nostalgia è una forza potente. Una descrizione accuratamente formulata può caricare il piatto di risonanza emotiva a cui è difficile resistere. Trasmettere “valori” con descrizioni come “la torta di mele di nonna”, “ragout a cottura delicata”, “pasta fatta a mano”, elimina la sensazione di industrializzazione senza anima che le persone vogliono rifuggere.

PIATTI ESCA

Mettere volontariamente prezzi più alti nella parte superiore del menù, indirizzando la scelta verso la parte bassa aiuta a tramettere l’idea che acquistando questi ultimi si stia facendo un affare, questo approccio spinge le persone ad acquistare un numero maggiore di portate.

COPY

La maggior parte degli elementi di un menu hanno descrizioni di lunghezza simile in modo da adattarsi al layout generale della pagina. Se un elemento non si adatta catturerà l’attenzione del cliente. Dato questo, si utilizzano descrizioni più lunghe per i piatti che si vogliono vendere più.

RASSICURARE IL CLIENTE

Le liste dei vini del ristorante possono competere con un romanzo medio di lunghezza, soprattutto nelle strutture di fascia alta. Si tratta di una tattica di marketing per garantire al cliente che c’è stata una ricerca approfondita. Più sono le informazioni elencate per ogni vino, annata, uvaggio, descrizioni sensoriali più è probabile che si scelga un prodotto di fascia alta.

SPAZIO NEGATIVO

Se un menu è pieno di testo, l'occhio naturalmente sarà attratto da qualsiasi spazio aperto. Un menù ben progettato utilizza gli spazi bianchi a proprio vantaggio - gli elementi con i maggiori margini di profitto sono spesso posizionati con il giusto spazio, lontano dal trambusto del resto delle descrizioni.

MATERIALI

Il materiale del menu viene utilizzato per comunicare l'immagine del marchio. I ristoranti di alto livello usano carta, cuoio e spessore per suggerire che il loro cibo sia di qualità simile (e pertanto che vale la pena ordinare), mentre un ristorante più economico potrebbe utilizzare il vinile per comunicare un menu che rappresenta un buon rapporto qualità / prezzo.

andrea covaComment